InterNapoli.it
venerdì 24 marzo 2017
AVVISO
Dal 1 ottobre 2015 questa versione si trasferisce al seguente indirizzo: wap.internapoli.it
Passa alla nuova versione del sito
CAMORRA
Raggiunto e freddato sotto casa, ecco la FOTO dell'uomo del clan ammazzato a Crispano
 
Ascolta  NUOVA FUNZIONALITA' HTML5
Condividi con Facebook
Commenta la notizia
(0)
NAPOLI. E' stato ucciso in pieno giorno, davanti a tutti. A morire sotto gli occhi anche di tanti ragazzini Antonio Vitale, 53 anni, ritenuto dalle forze dell'ordine appartenente al clan Cennamo attivo tra Crispano e Cardito. Vitale era molto noto in città essendo il proprietario del bar Cappucini, meglio noto come “o’Balzano”.
L'omicidio è avvenuto intorno alle 11 di questa mattina in via Bellini a Crispano, nei pressi dell'abitazione di Vitale. Sul posto sono giunti i carabinieri della Compagnia di Casoria, guidati dal capitano Francesco Filippo, che hanno subito avviato le indagini per accertare la dinamica dell'omicidio. Da tempo Vitale era sottoposto a regime di sorveglianza speciale e, secondo alcune fonti investigative, pare che negli ultimi tempi fosse fuori dai giochi.
Divergenti però al momento le voci, visto che da ambienti vicini alla mala locale, Vitale dopo la morte di «Tanuccio o' malommo» (Antonio Cennamo) sarebbe diventato il riferimento di zona. Stando alle prime notizie filtrate l'uomo sarebbe stato avvicinato da due persone con il volto travisato in sella ad una moto. I killer, non appena raggiunto l'obiettivo, hanno fatto fuoco non lasciando scampo a Vitale.
Immediatamente hanno fatto perdere le proprie tracce e molto probabilmente anche quelle della moto da loro utilizzata, fatta sparire a non molta distanza dal luogo dell'agguato.


REDAZIONE

questo articolo è stato letto 5.662 volte
Visualizza l'articolo nella versione standard
Lista degli ultimi 50 articoli
Vai alla Prima pagina
powered by CreaSoftware