InterNapoli.it
martedì 27 giugno 2017
AVVISO
Dal 1 ottobre 2015 questa versione si trasferisce al seguente indirizzo: wap.internapoli.it
Passa alla nuova versione del sito
CRONACA
Due nuovi pentiti fanno tremare la camorra dell'area Nord di Napoli
 
Ascolta  NUOVA FUNZIONALITA' HTML5
Condividi con Facebook
Commenta la notizia
(0)
CAIVANO. L’agguato a Giuseppe Telese nel rione don Guanella, sotto il controllo del gruppo Nappello in quel periodo, provocò la reazione del clan locale al punto che rischiavano di saltare accordi di malavita già presi. Due collaboratori di giustizia hanno ricostruito quell'episodio ed ora fanno tremare i clan. Si tratta di Nunzio Montesano e Gennaro Masi, due collaboratori di giustizia che potranno svelare retroscena importanti sulle cosche criminali dell'area Nord di Napoli. Secondo il racconto di Nunzio Montesano Mario Russo individuò in lui il capro espiatorio per ristabilire gli equilibri e partì la spedizione punitiva a Caivano: una trappola scattata in località Pascarola. Ma “Sciarallo”riuscì a sfuggire alla morte e il giorno dopo si aprì con i carabinieri, raccontando tutto ciò che sapeva. A far tremare i clan è anche Gennaro Masi, finito in manette lo scorso novembre dopo essere stato trovato in possesso di una pistola e di un chilo di marijuana. Ci sono anche le sue dichiarazioni alla base dell'operazione che ha portato all'arresto di ieri di Mario Russo, nuovo ras emergente della mala di Caivano.

REDAZIONE

questo articolo è stato letto 9.512 volte
Visualizza l'articolo nella versione standard
Lista degli ultimi 50 articoli
Vai alla Prima pagina
powered by CreaSoftware