InterNapoli.it
lunedì 18 dicembre 2017
AVVISO
Dal 1 ottobre 2015 questa versione si trasferisce al seguente indirizzo: wap.internapoli.it
Passa alla nuova versione del sito
CRONACA
«L'unico summit tra Riina e Cutolo c'è stato a Marano», il racconto dell'incontro tra i due superboss
 
Ascolta  NUOVA FUNZIONALITA' HTML5
Condividi con Facebook
Commenta la notizia
(0)
NAPOLI. Lo scrittore Franco Di Carlo interviene con una polemica in merito ai commenti sul libro di Giorgio Mottola “Camorra nostra”. Tutto nasce da una confidenza di Raffaele Cutolo che descrive il suo incontro con Totò Riina, una riunione per trattare “di diffondere l’eroina a Napoli” in cui erano presenti i capi di Cosa Nostra. Cutolo era contrario a qualsiasi tipo di accordo e Riina, ad un certo punto avrebbe estratto la pistola, puntandogliela contro. Cutolo, a suo dire, reagì, fissandolo negli occhi, e minacciosamente apostrofò Riina “O spari o ci piscio sopra”. Il capo dei corleonesi, secondo il racconto di Cutolo, ripose l’arma. Ecco cosa afferma Di Carlo: "Io non sono mai stato tenero con Totuccio Riina, anzi posso tranquillamente affermare che fui l’unico, durante trent’anni di frequentazione, a contestare le sue decisioni, infatti comuni amici mi confidarono il pensiero del boss “Di Carlo ha braccia e grande cervello”. Ma nell’apprendere queste idiozie demenziali proferite da Cutolo, mi sento in dovere, per verità storica e intellettuale, di dire le cose come stanno. Nessun appartenente a Cosa Nostra, fossero capi o soldati semplici, ha mai estratto una pistola se non per uccidere. Immaginare Riina estrarre una rivoltella e minacciare Cutolo, e lo stesso Cutolo orinare sulle scarpe dei capo dei capi, è da dementi. Raffaele Cutolo sarebbe morto in quel preciso istante, e si sarebbero risparmiate almeno mille vittime, i morti della guerra di Camorra, dal 1980 al 1982, che la follia criminale di Cutolo aveva scatenato. La verità è che conobbi Raffaele Cutolo due giorni dopo la sua evasione dal manicomio criminale di Aversa. Si era rifugiato presso i fratelli Nuvoletta a Marano e lì incontrò una sola volta Totò Riina. Io accompagnai in macchina da Palermo il boss corleonese e ci trattenemmo presso la proprietà dei Nuvoletta per due giorni. Ad un pranzo ricordo la presenza di Cutolo, che non conoscevamo. Tengo a precisare che Angelo Nuvoletta ci chiese il permesso di invitare questo ospite: un latitante di nome Raffaele Cutolo. Bene, questo fu l’unico incontro che il boss della Nco ebbe con me e con Salvatore Riina. Tengo a precisare che a tavola non ci fu e non ci poteva essere alcun argomento né riguardo a Cutolo o agli affari di Cosa Nostra, anche perché il camorrista era entità estranea a tutti noi. Rammento anche che, prima che Riina ed io partissimo, Angelo e Lorenzo Nuvoletta, ci domandarono cosa pensassimo di questo Cutolo e se fosse possibile combinarlo in Cosa Nostra. Riina rispose che era affare loro valutare se Raffaele Cutolo possedesse le qualità morali, familiari e l’onorabilità necessaria per entrare in Cosa Nostra".
Dopo pochissimo tempo Bernardo Brusca, mi raccontò cosa accade in seguito a Marano. I fratelli Nuvoletta volevano affiliare in Cosa Nostra Raffaele Cutolo, nella specifica occasione era presente Michele Greco. Nella cerimonia di affiliazione, dove veniva spiegata l’essenza e l’organizzazione di Cosa Nostra, il futuro capo della Nco rifiutò. I presenti rimasero sbalorditi, in quanto conoscevano le conseguenze di quel rifiuto. Nessuno poteva essere a conoscenza dei segreti di Cosa Nostra, senza farne parte, pertanto Cutolo doveva essere ucciso. I fratelli Nuvoletta si fecero garanti del camorrista, assicurando che lo avrebbero persuaso in un secondo tempo. Totò Riina, saputo l’accaduto, andò su tutte le furie, “Come mai non è stato ucciso all’istante”, però essendo i Nuvoletta corleonesi, tutto venne appianato senza omicidi. Ma nel frattempo, durante la permanenza di Cutolo presso i Nuvoletta, circa un mese, avendo lo stesso conosciuto diversi esponenti napoletani e siciliani di Cosa Nostra, e avendo conosciuto il Sistema, cioè che le famiglie di Napoli dipendevano dalla Commissione provinciale di Palermo, maturò l’idea di fondare un’organizzazione sulla falsariga di Cosa Nostra. Abbandonò il rifugio fornito dai Nuvoletta e cominciò ad affiliare malavitosi comuni, che andarono ad ingrossare le fila della nascente Nuova Camorra organizzata".

Tratto da: articolotre.com


REDAZIONE

questo articolo è stato letto 21.710 volte
Visualizza l'articolo nella versione standard
Lista degli ultimi 50 articoli
Vai alla Prima pagina
powered by CreaSoftware