InterNapoli.it
lunedì 24 luglio 2017
AVVISO
Dal 1 ottobre 2015 questa versione si trasferisce al seguente indirizzo: wap.internapoli.it
Passa alla nuova versione del sito
L'INIZIATIVA
Calvizzano si mobilita contro i roghi. Qualiano chiede un summit sovracomunale, Giugliano si appella ai cittadini
 
Ascolta  NUOVA FUNZIONALITA' HTML5
Condividi con Facebook
Commenta la notizia
(0)
CALVIZZANO. Mercoledì 19 luglio alle ore 19 avrà luogo la manifestazione Stop Roghi che partirà dalla Piazza Umberto Primo di Calvizzano e proseguirà verso via Mirabelli fino ad arrivare presso via De Filippo uscita via Corigliano ( Qualiano-Villaricca ).
Durante il corteo di sensibilizzazione e protesta contro la questione dei roghi tossici che affligge l'Area Nord di Napoli, varie associazioni, consiglieri comunali, cittadini, parrocchie ed istituzioni varie provenienti da vari schieramenti, sfileranno con candele profumate unite da un unico comune denominatore: l'amore per la propria terra.
Obiettivo del corteo, come specifica Biagio Sequino, è quello di chiedere più sorveglianza, più Esercito nelle zone a rischio, pene più severe per chi sbaglia in materia ambientale.
Inoltre, martedì 18 luglio alle ore 19 presso l'aula consiliare del Comune di Calvizzano, si terrà un assemblea pubblica per discutere dell'organizzazione e delle proposte in merito al corteo.

In un comunicato stampa l'Amministrazione di Giugliano ha fatto il punto sulla giornata di ieri: "Il territorio di Giugliano è stato interessato da incendi verificatisi sia in prossimità di Auchan Giugliano (nella zona immediatamente retrostante la struttura e ricompresa tra le aree a parcheggio e l'Asse Mediano), sia in località Sorbe Rosse, sia in località Pagliaio del Monaco, sia in corrispondenza del Country Park che nell'area sottostante la stazione di servizio della IP esistente a Licola, sulla strada SS7 QUATER, in direzione di Napoli. L' Amministrazione comunale di Giugliano, intervenuta sulle varie aree interessate dagli incendi, ha provveduto, già nel primo pomeriggio di ieri, ad allertare e a compulsare la Prefettura di Napoli allo scopo di sollecitare l'invio di uomini e mezzi per consentire di affrontare e superare l'emergenza. Compatibilmente con il loro impiego anche in tutte le altre zone della Provincia di Napoli, la Prefettura ha provveduto all'invio di varie squadre di Vigili del Fuoco che, verso le ore 24, hanno finalmente provveduto a spegnere la quasi totalità dei focolai. Vari componenti della Giunta e diversi Consiglieri di Maggioranza sono stati presenti, unitamente a Personale della Polizia Municipale, a pattuglie di Polizia e Carabinieri, che si coglie qui l'occasione di ringraziare per la qualità la e quantità del lavori svolto, sin dal primissimo pomeriggio di ieri e fin dopo le ore 24.00, sui luoghi interessati dagli incendi, provvedendo a indirizzare e coordinare i soccorsi, ad assistere i Vigili del Fuoco nelle operazioni di spegnimento e di ricarica delle autobotti, e nel fornire conforto ai cittadini. L' Amministrazione comunale di Giugliano condanna fermamente gli atti, colposi o dolosi, che hanno dato origine agli incendi, e si adopererà, come ha già fatto in questi giorni anche grazie all'emanazione di specifiche ordinanze sindacali, quali la n.80, per evitare che la presenza di sterpaglie e di aree abbandonate a loro stesse dai legittimi proprietari e/o conduttori possa favorire l'innesco di incendi. Parimenti rafforzato sarà il servizio di raccolta dei rifiuti, abbandonati e non, presenti nel territorio comunale. Si pregano i cittadini di segnalare la presenza di roghi e di persone sospette".

E' intervenuto anche il sindaco di Qualiano De Luca: "Quello che si sta verificando in questi giorni è un omicidio di massa al quale non posso assistere e starmene con le mani in mano e, nonostante il fatto che a bruciare sono i territori confinanti con Qualiano, domani convoco i miei consiglieri comunali per prendere con loro le decisioni sul da farsi. Immediatamente dopo chiederò un incontro con tutti i Sindaci della zona per concordare azioni concrete e comuni. La regione, la Prefettura e tutti gli Enti sovracomunali non possono lavarsene le mani né tanto meno possono stare mesi a trovare la soluzione"


Ilenia Russomanno

questo articolo è stato letto 769 volte
Visualizza l'articolo nella versione standard
Lista degli ultimi 50 articoli
Vai alla Prima pagina
powered by CreaSoftware