InterNapoli.it
mercoledì 20 settembre 2017
AVVISO
Dal 1 ottobre 2015 questa versione si trasferisce al seguente indirizzo: wap.internapoli.it
Passa alla nuova versione del sito
CRONACA
Il complice di Ciro incastrato da 30 telefonate, ora è caccia al terzo uomo coinvolto nel delitto di Vincenzo
 
Ascolta  NUOVA FUNZIONALITA' HTML5
Condividi con Facebook
Commenta la notizia
(0)
NAPOLI. Uno gli ha fornito l'arma, l'altro lo ha aiutato a distruggere il cadavere. I tasselli del puzzle dell'orrore stanno andando a posto. Lentamente, come se emergessero dalle sabbie mobili. I mostri, due dei tre mostri, hanno un nome e un volto. Ciro Guarente ha avuto due complici. Uno è Francesco De Turris. Ma forse manca all'appello un terzo uomo. Entrambi di Ponticelli, entrambi residenti in via Scarpetta, nelle stesse palazzine popolari in cui abita la famiglia di Guarente. L'assassino di Vincenzo Ruggiero ha chiesto aiuto a De Turris prima di uccidere e anche dopo. Trenta telefonate tra il 6 e l'8 luglio incastrano entrambi, tant'è che hanno confessato. Per procurarsi la pistola, Guarente ha contattato De Turris. «Devo litigare con uno che sta dando fastidio alla mia fidanzata, anzi lo devo proprio ammazzare», gli ha detto. Ciro, per la verità, un'arma se l'era già procurata: una calibro 22. Ma De Turris gli ha detto che con quel piccolo revolver poteva uccidere «le lucertole». Così ha preso per sé la 22 e gli ha dato una 7 e 65. Dopo avere ammazzato Vincenzo, Ciro ha riconsegnato la pistola a De Turris e quest'ultimo l'ha smontata e ha buttato i pezzi nei cassonetti della spazzatura.
Francesco De Turris, 51 anni, è uno spacciatore di cocaina, ma i clan, a Ponticelli, non l'hanno mai «autorizzato» a vendere la droga, tant'è che un anno gli spezzarono una gamba. La punizione degli sgarristi dei De Micco, però, non ha spento la sua brama di «potere», tant'è che poi si è impossessato di un campetto comunale per il calcio a 5 e, quando la struttura è stata affidata a una associazione, sia gli spogliatoi che le giostrine dell'area adiacente sono state misteriosamente distrutte. Un «capetto», dunque, un aspirante capozona di un quartiere a ridosso del Conocal dove, dopo una breve e sanguinosa faida contro i D'Amico, si è imposto il clan De Micco. A quel «capetto», Guarente, incensurato e inesperto si è rivolto per «fare e per apparare il guaio», come si dice da queste parti.


REDAZIONE

questo articolo è stato letto 5.087 volte
Visualizza l'articolo nella versione standard
Lista degli ultimi 50 articoli
Vai alla Prima pagina
powered by CreaSoftware